header lattiero caseario farm-inn

Applicazione dell’approccio di valutazione LCA al progetto FARM-INN

La ß-caseina è la più importante proteina del latte, dove è presente con le varianti A1 e A2. In un precedente articolo abbiamo spiegato perché il progetto FARM-INN sta studiando gli effetti delle varianti sulle proprietà del latte e sui prodotti lattiero caseari. Uno studio che prevede la somministrazione di diverse diete a tre gruppi di bovini destinati alla produzione di Grana Padano.

Oltre a valutare le caratteristiche del latte e dei formaggi prodotti, il progetto effettuerà anche la valutazione di impatto ambientale attraverso il Life Cycle Assessement (LCA). Una valutazione basata su una metodologia strutturata e standardizzata a livello internazionale, che include e quantifica gli impatti potenziali associati ad un prodotto o un processo lungo l’intero ciclo di vita, dall’acquisizione delle materie prime fino allo smaltimento (dalla culla, alla tomba).

La valutazione è stata condotta dal DISAA dell’Università degli Studi di Milano seguendo tutte le cinque fasi previste dal metodo e che vengono illustrate di seguito. Le fasi sono riportate nella norma ISO 14044 e sono state ampliamente applicate in bibliografia internazionale (Flysjö et al., 2011; Guerci et al. 2013, O’Brien et al., 2014). L’uso di questo metodo di valutazione è stato scelto perché permette di considerare tutti gli input, come ad esempio gli acquisti di alimenti, di animali, di lettiera e gli output aziendali come la produzione di latte o di formaggio e per questo risulta altamente affidabile.

Nella valutazione è stata presa come modello l’azienda in cui si è realizzata la sperimentazione, sono cioè stati considerati i dati reali relativi a produzioni agricole, dimensione e gestione della mandria e le reali produzioni quantitative e qualitative degli animali che presentavano le due varianti della beta-caseina.

Le cinque fasi previste dal metodo sono le seguenti:

1 - Definizione dei confini dell’analisi: l’analisi d’impatto è stata condotta secondo un’ottica ‘from cradle to gate’, ovvero dalla culla al cancello dell’azienda agricola. In questa prima fase del lavoro è stata considerata solo la fase di produzione del latte in stalla. I confini del sistema adottato sono descritti nella figura riportata di seguito.

Ciclo dellanalisi LCA bovini da latte

2 - Raccolta di dati primari: i dati primari necessari per l’analisi LCA sono stati raccolti presso l’azienda oggetto di studio con l’utilizzo di un questionario. Sono state così acquisite tutte le informazioni relative a: composizione della mandria, composizione della razione di tutti gli animali allevati, l’utilizzo del suolo agricolo, produzione aziendale di foraggi per il bestiame, acquisto di alimenti extraaziendali con dettagli sulla tipologia e relative provenienze, acquisto di fertilizzanti, agrofarmaci e materiali di lettiera, la gestione della stalla e dei reflui stoccati, i consumi energetici, la vendita e l’acquisto di bovini, la vendita di latte e di carne.

3 - Scelta dell’unità funzionale e allocazione: è stata scelta come unità di riferimento su cui esprimere l’impatto (unità funzionale) 1 kg di latte corretto per il tenore in grasso e proteine (FPCM) utilizzando l’equazione suggerita dall’IDF (2015). Nel metodo LCA l’impatto ambientale prodotto dall’azienda va suddiviso (allocato) sui diversi prodotti aziendali (es. carne e latte). In questo caso è stata utilizzata l’equazione proposta sempre dall’IDF (2015).

4 - Calcolo delle emissioni: per il calcolo delle emissioni in aria e acqua delle varie sostanze che si liberano nell’azienda agricola ci si è avvalsi dell’uso di diverse equazioni. Per il calcolo del metano prodotto dalle fermentazioni enteriche è stata utilizzata l’equazione di Moraes et al. (2014) a partire dal valore nutritivo delle razioni somministrate a tutte le categorie di animali allevati, ottenuto con il supporto del programma CPM Dairy 3.0.7 (2004). Per il calcolo delle emissioni di metano e azoto dalle deiezioni sono state utilizzate le equazioni dell’IPCC (2006) e dell’EEA (2009), che tengono in considerazione la tipologia di stabulazione, la proteina del latte e la tipologia di gestione dei reflui.

5 - Quantificazione dell’impatto ambientale relativo alla produzione di 1 kg FPCM: il calcolo delle diverse categorie di impatto è stato effettuato inserendo tutti i dati Software Simapro utilizzando il metodo CML-Baseline V3.01. Il software permette di accedere a banche dati per alcuni processi e di ‘ricostruire’ tutto ciò che accade in una stalla, dalla tipologia di coltivazioni, agli acquisti, alle produzioni aziendali.

 

Bibliografia

Flysjö, A., Henriksson, M., Cederberg, C., Ledgard, S., & Englund, J. E. (2011). The impact of various parameters on the carbon footprint of milk production in New Zealand and Sweden. Agricultural systems, 104(6), 459-469.

Guerci, M., Bava, L., Zucali, M., Sandrucci, A., Penati, C., & Tamburini, A. (2013). Effect of farming strategies on environmental impact of intensive dairy farms in Italy. Journal of dairy research, 80(3), 300-308.

O’Brien, D., Brennan, P., Humphreys, J., Ruane, E., & Shalloo, L. (2014). An appraisal of carbon footprint of milk from commercial grass-based dairy farms in Ireland according to a certified life cycle assessment methodology. The International Journal of Life Cycle Assessment, 19(8), 1469-1481.

IPCC, 2006. Emissions from livestock and manure management. In: Eggleston, H., Buendia, L., Miwa, K., Ngara, T., Tanabe, K. (Eds.), IPCC Guidelines for National Greenhouse Gas Inventories. Volume 4: Agricolture, Forestry and Other Land Use. Chapter 10. Institute for Global Environmental Strategies, Hayama, Japan.

European Environmental Agency (EEA), 2009. EMEP/EEA Air Pollutant Emission Inventory Guidebook. http://www.eea.europa.eu/publications/emep-eeaemission-inventoryguidebook-2009.

Moraes, L. E., Strathe, A. B., Fadel, J. G., Casper, D. P., & Kebreab, E. (2014). Prediction of enteric methane emissions from cattle. Global change biology, 20(7), 2140-2148.

IDF, 2015. A common carbon footprint approach for dairy. The IDF Guide to Standard Lifecycle Assessment Methodology For the Dairy Sector. In the Bulletin of the IDF No 479/2010. International Dairy Federation, Brussels, Belgium.

 

Fonte foto di copertina: Flickr, Creative Commons

La nostra ricerca: FARM-INN

Per il consumatore

Per l’ambiente

Soluzioni e nuove tecnologie per incrementare la produzione e ridurre l’impatto ambientale nel settore caseario: il progetto FARM-INN

Soluzioni e nuove tecnologie per incrementare la produzione e ridurre…

FARM-INN Per l'ambiente 18 Lug 2019

La richiesta dei consumatori di acquistare prodotti di origine animale con valori nutrizionali elevati si accompagna sempre più spesso anche alla necessità... leggi

logo lattiero caseari

Ager - Agroalimentare e ricerca,
è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

AGER
Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Sito Progetto Ager
http://www.progettoager.it/

Progetto Ager

Valentina Cairo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.